Archivi tag: Chiesa

Dodici porte, dodici angeli

Un paio di giorni fa la carissima Costanza pubblicava sul suo blog una riflessione intensa sul sacerdozio. In quello stesso giorno la liturgia ci proponeva la lettura di Ap. 21 e tra l’altro del passo che dice: “È cinta da grandi e alte mura con dodici porte: sopra queste porte stanno dodici angeli” (Ap. 21,12) e così nella mia mente è scattata l’associazione spontanea: i sacerdoti sono gli angeli a guardia delle porte della Chiesa! Continua a leggere

Annunci

8 commenti

Archiviato in Chiesa-Gerusalemme

tuniche di pelle, vesti di bisso

I Padri Greci hanno dedicato una grande attenzione alle tuniche di pelle che Dio dona ad Adamo dopo il peccato (Cfr. Gen. 3,21), che mantengono un ruolo importante nella teologia greca fino al contemporaneo Panayotis Nellas che vi ha dedicato un’opera fondamentale “zoon theoumenon“, tradotta in italiano con il titolo “voi siete dei”.

Nell’interpretazione di Nellas le tuniche di pelle rappresentano l’umanità dopo il peccato, quindi la condizione umana ferita, sono in un certo modo la traduzione nel linguaggio dell’Ortodossia del pensiero agostiniano sull‘inclinazione al male, conseguente al peccato originale. In più rispetto al pensiero agostiniano, però, Nellas sottolinea come anche la tunica di pelle sia un dono di Dio. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Fine dei tempi, Giudizio

Lettera a una Chiesa combattente /2

Se gli intellettuali Nicolaiti sono il male di Pergamo la conversione in questo caso consisterà nel tracciare una demarcazione netta, nell’evitare ogni possibile ambiguità e dire una volta per tutte cosa è Chiesa e cosa non lo è. Come vedremo nella lettera alla Chiesa di Tiatira, c’è differenza tra divisione e selezione e a volte una selezione, anche dolorosa, è necessaria proprio per evitare divisioni molto più dannose. Continua a leggere

6 commenti

Archiviato in lettere alle sette Chiese

Lettera ad una Chiesa che non ama più (parte prima)

Proseguendo l’analisi delle lettere alle sette Chiese, inizata in questo articolo, vediamo oggi la prima di queste, la lettera a Efeso, la chiesa madre nella provincia d’Asia. Efeso era una città enorme, cosmopolita, sofisticata, ricchissima e la sua Chiesa è l’unica oltre Roma a poter vantare una doppia origine apostolica. Per questa ragione Efeso è la Chiesa che presiede (e di cui con ogni probabilità Giovanni è il vescovo, sebbene in esilio) e per questa ragione il Signore si presenta a lei con tutti i simboli della sua autorità. Continua a leggere

4 commenti

Archiviato in Chiesa-Babilonia, Chiesa-Gerusalemme, Giudizio, lettere alle sette Chiese

Libertà vo cercando…

Uno dei maggiori problemi delle sette Chiese d’Asia a cui è indirizzata l’Apocalisse è la presenza di un gruppo di intellettuali progressisti che Giovanni chiama dei “Nicolaiti” che secondo alcuni sarebbero i discepoli del diacono Nicola, uno dei sette primi diaconi (il gruppo di Stefano per capirci). In realtà poco o nulla sappiamo di questo movimento a parte ciò che Giovanni stesso ce ne dice, e quindi farsene un’idea obbiettiva è piuttosto difficile, però Giovanni doveva considerarli un problema serio, visto che in tre delle sette “lettere” ritorna sull’argomento.

Continua a leggere

6 commenti

Archiviato in Chiesa-Babilonia, lettere alle sette Chiese

Pietre e mattoni

Forse perché gli ricordano la schiavitù in Egitto, fatto sta che i mattoni non devono piacere molto a nostro Signore. Tutte le volte che nella Bibbia si parla di una costruzione solida si dice che è fatta di pietre, mentre invece le case di mattoni fanno inevitabilmente una brutta fine.

Ma cos’ha il mattone per essere tanto antipatico a Dio? Continua a leggere

8 commenti

Archiviato in Chiesa-Gerusalemme

La donna vestita di sole

Se nei Vangeli Maria è la “mater abscondita”, lo sfondo silenzioso di Gesù, la terra in cui affonda le sue radici l’albero della nostra salvezza, come la definiva Romano Guardini, nell’Apocalisse diventa la “mulier amicta sole”, la donna vestita di sole, il “segno grande” che appare nel cielo e dà così inizio alla sconfitta del drago, almeno questa è l’interpretazione unanime che dal medioevo fino ai giorni nostri viene data del passo enigmatico di Ap. 12.

Continua a leggere

10 commenti

Archiviato in Chiesa-Gerusalemme, Maria