Archivi del mese: dicembre 2011

Non c’è più tempo

Nel capitolo 10 Giovanni descrive un’immagine impressionante: un angelo gigantesco poggia un piede sulla terra e uno sul mare e proclama solennemente: “non ci sarà più tempo!”

Questa potente immagine merita un’analisi approfondita (che per vostra comodità troverete sul mio libro), ma oggi, essendo il giorno di capodanno, vorrei fermarmi solo sulla frase che pronuncia. Capodanno infatti, inevitabilmente, ci ricorda il tempo che passa. Continua a leggere

Annunci

4 commenti

Archiviato in Giudizio, Resistenza cristiana

Prostitute o spose?

Giovanni non doveva intendersene molto di donne. Così almeno pensa Elizabeth Schlusser-Fiorenza, un’esegeta della scuola cosiddetta femminista (una delle più moderate in verità, l’unica che son riuscito a leggere senza provare il bisogno istintivo di gettare il libro in luoghi innominabili). La sua tesi è che Giovanni conosce di fatto due soli modelli femminili, la prostituta e la sposa, e quindi commette il terribile peccato di origine di ogni maschio, quello cioè di pensare la donna solo in relazione a se stesso. Continua a leggere

2 commenti

Archiviato in Babilonia, Chiesa-Gerusalemme, Maria, Resistenza cristiana

La donna vestita di sole

Se nei Vangeli Maria è la “mater abscondita”, lo sfondo silenzioso di Gesù, la terra in cui affonda le sue radici l’albero della nostra salvezza, come la definiva Romano Guardini, nell’Apocalisse diventa la “mulier amicta sole”, la donna vestita di sole, il “segno grande” che appare nel cielo e dà così inizio alla sconfitta del drago, almeno questa è l’interpretazione unanime che dal medioevo fino ai giorni nostri viene data del passo enigmatico di Ap. 12.

Continua a leggere

10 commenti

Archiviato in Chiesa-Gerusalemme, Maria

Il quarto cavaliere

Il quarto cavaliere è l’unico a portare un nome, ed è un nome sinistro: Morte.

Quando l’Agnello aprì il quarto sigillo, udii la voce del quarto essere vivente che diceva: «Vieni». Ed ecco, mi apparve un cavallo verde. Colui che lo cavalcava si chiamava Morte e gli inferi lo seguivano. Fu dato loro potere sopra la quarta parte della terra per sterminare con la spada, con la fame, con la peste e con le fiere della terra. (Ap. 6,7-8)

Continua a leggere

4 commenti

Archiviato in Giudizio

Il cavaliere nero

Proseguiamo nell’interpretazione dei quattro cavalieri. Se è abbastanza facile la lettura del cavaliere rosso, è il terzo dei quattro, quello nero, che dà più problemi all’interprete.

Quando l’Agnello aprì il terzo sigillo, udii il terzo essere vivente che diceva: «Vieni». E vidi: ecco, un cavallo nero. Colui che lo cavalcava aveva una bilancia in mano. E udii come una voce in mezzo ai quattro esseri viventi, che diceva: «Una misura di grano per un denaro, e tre misure d’orzo per un denaro! Olio e vino non siano toccati».

Continua a leggere

2 commenti

Archiviato in Giudizio, Resistenza cristiana

Il cavaliere rosso

Libero finalmente dalla preoccupazione della pubblicazione quotidiana posso cominciare a fare le cose con più ordine, seguendo e sviluppando i tanti temi che ho aperto in maniera più sistematica invece di saltabeccare da un tema all’altro seguendo l’ispirazione (che come si sa è ondivaga)

Il primo tema che voglio concludere è quello dei quattro cavalieri. Continua a leggere

2 commenti

Archiviato in Resistenza cristiana, strategie del drago

Questo non è un post

Innanzitutto mi scuso, sono diversi giorni che non scrivo in questo blog e vi avevo abituato a un ritmo quotidiano.

Però mi sono reso conto che proprio non ce la faccio a conciliare questo ritmo con la mia attività di parroco, non almeno se voglio curare la qualità spirituale e  scientifica di quello che scrivo, cosa che mi sta molto a cuore. Continua a leggere

2 commenti

Archiviato in Uncategorized